30 ottobre 2015

Nuova Banca Dati Utenti Morosi che non Pagano Bollette Telefoniche: SIMoITel

È stato istituita SIMoITel, la banca dati degli utenti che non pagano le bollette del telefono volontariamente: come funziona, condizioni - Il Garante per la Privacy ha approvato il Sistema Informativo sulle morosità intenzionali nel settore della telefonia, SIMoiTel, la banca dati nella quale saranno censite persone fisiche e giuridiche, associazioni, liberi professionisti, titolari di ditte individuali ed enti che non pagano regolarmente le bollette telefoniche relative alle offerte in abbonamento e alle tariffe con smartphone o tablet inclusi.
Nella banca dati SIMoITel non sarà incluso chi è occasionalmente in ritardo con i pagamenti.

La banca dati degli utenti morosi che non pagano le bollette del telefono potrà essere consultata dagli operatori telefonici prima di attivare una nuova tariffa telefonica, in modo da individuare se quella determinata persona fisica o società con la quale si sta concludendo l'accordo paga regolarmente le bollette telefoniche.

La costituzione di SIMoiTel ha il fine di interrompere il fenomeno del turismo telefonico, una pratica utilizzata da utenti che cambiano continuamente operatore di telefonia allo scopo di non pagare le fatture telefoniche, avendo magari sottoscritto anche un'offerta con smartphone o tablet incluso. Ogni operatore potrà quindi decidere di sottoscrivere o meno il contratto con un utente che, entrando da un altro gestore, non ha pagato le fatture precedenti, evitando di trovarsi a sua volta con un cliente non pagante.


Da chi sarà gestita la banca dati SIMoITel? La gestione del sistema anti-frodi sarà data ad un ente individuato dagli operatori telefonici e conterrà solamente i dati riguardanti i mancati pagamenti degli utenti, quindi non verranno inserite informazioni sensibili o relative a atti giudiziari.
Inoltre sono state stabilite precise regole da rispettare prima di inserire l'utente nella banca dati morosi: l'offerta deve essere stata disdetta da minimo tre mesi; i mancati pagamenti devono superare i 150 Euro per ogni singolo gestore telefonico; le bollette telefoniche non devono essere state nei primi 6 mesi dalla sottoscrizione dell'offerta; mancanza di altri contratti in regola con lo stesso operatore.

Banca dati utenti morosi che non pagano le bollette telefoniche: SIMoITelPrima di inserire nella banca dati SIMoiTel un cliente, l'operatore dovrà contattarlo per avvisarlo del futuro inserimento nel sistema. Inoltre l'operatore deve conservare per le informazioni sui mancati pagamenti per 36 mesi e in seguito verranno cancellate automaticamente. I dati riguardanti gli utenti che non pagano le bollette telefoniche non potranno essere utilizzati per altri scopi come ad esempio ricerche di mercato, marketing, pubblicità. Di conseguenza gli operatori telefonici potranno trattare i dati contenuti nella banca dati anche senza chiedere il consenso degli interessati. Gli utenti dovranno essere però avvisati di eventuali trattamenti dei dati in fase di stipula del contratto.

Potete trovare il documento completo sul sito internet del Garante della Privacy: cliccate sul link in rosso per accedere al documento che è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Una volta inserito in GU il sistema SIMoITel sarà definitivamente attivo e chi non paga regolarmente le fatture telefoniche avrà vita dura.

Nessun commento: